Hot Topics

Fuori lo Spam: Google aggiorna l’algoritmo di ricerca

google aggiorna algoritmo

Google da notizia in questi giorni di aver messo online un corposo aggiornamento del propio algoritmo di ricerca.

Dal Blog ufficiale di Google si legge:
” Il nostro obiettivo è semplice: dare alla gente le risposte più pertinenti alle loro domande il più velocemente possibile. Ciò richiede una costante sintonizzazione dei nostri algoritmi”.

Insomma ancora una volta google aggiorna i proprio algoritmi per migliorare la vita alle persone… forse si forse no ovviamente dipende per essere super retorico dai punti di vista.

L’aggiornamento sempre secondo quanto dicono a google, avrà ripercussioni sul circa l’11% dei risultati di ricerca (l’aggionamento per adesso è operativo solo negli USA) e non è certo poco.

Il restyling dell’algoritmo, è progettato per penalizzare nelle classifiche di ricerca i contenuti web di bassa qualità di quei siti che sono di scarso valore contenutistico per gli utenti; chissà quali saranno i fantomatici parametri con i quali lo spider di google stabilirà “lo scarso valore del contenuto”.

Google ha messo online sempre in questi giorni un’estenzione per Crhome, Personal Blocklist, con la quale è possibile bloccare siti web dai propri risultati di ricerca; le scelte fatte dall’utente possono essere comunicate a google; è ovvio che google utilizzerà questi dati per il nuovo algoritmo.

Ad ogni modo oltre agli utenti google nella sua enorme magnanimità pensa anche ai soldi e alle relazioni con i grossi soggetti produttori di contenuti; il New York Times è entrato ormai di fatto su internet con i propri contenuti a pagamento, e certamente l’aggiornamento dell’algoritmo, in ottica di eliminare contenuti duplicati, non farà che piacere Al NYT.

Altri grandi siti americani aggregatori di notizie, tremano di fronte a questa notizia; siti che pubblicano in automatico articoli sul web grazie a robots che grbbano contenuti di altri siti e li rimiscelano, rischiano seriamente di sparire; e parliamo di siti con miglioni di pagine viste al giorno, e itroiti pubblicitari di notevoli dimensioni.

Altri siti lamentano il fatto nonostante i loro contenuti siano originali e scritti da redattori umani, di essere già stati penalizzati fortementi nei risultati di ricerca di google.

Tale modifica dell’algoritmo potrebbe in qualche modo convogliare traffico verso siti social oriented come twitter e Facebook? probabilmente come sempre l’algoritmo colpirà non solo lo spam su google ma come detto sopra anche siti che spam non sono… quindi perchè non studiare novi metodi per generare traffico verso il proprio sito con altre realtà che non siano Google?

Enjoy
Gianfranco Toninelli

Be the first to comment on "Fuori lo Spam: Google aggiorna l’algoritmo di ricerca"

Leave a comment

Your email address will not be published.

*