Hot Topics

Scrivi per il web: i 10 punti da seguire

scrittura

Scrivere per il Web è una sfida, parole abbreviate e neologismi cavalcanti, utenti che leggono scansionando parole di una frase piuttosto che leggerla per intero, guide di stile a cui aderire.  Su come si scriva per il web, ne è appunto pieno il web; di seguito ho stilato una piccola guida in 10 punti che sono stati molto utili per me:

1. Conosci i tui lettori
Conoscere personalmente uno per uno i lettori del proprio blog potrebbe essere utile, ed anche fisicamente possibile, se si scrive per un blog sfigato, da tre quattro accessi al giorno;  scherzi a parte, tale considerazione puo’ sembrare ovvia, e spesso è data per scontata.  Per scrivere articoli o post pertinenti che creino interesse nel lettore e voglia di tornare a leggerne di altri sul blog,  è fondamentale capire ed analizzare a quale tipo di pubblico ci stiamo rivolgendo. Basta partire dalle piccole cose, senza dover scomodare i grandi (nel senso grassi e obsoleti personaggi tipo UMBERTO ECO) della lingua, usate espressioni locali se scrivete per un pubblico locale;  ” De’ ” se l’area è quella livornese, “Sti Cazzi” per Roma e dintorni, e cosi’ via.  Se la scrittura è rivolta a un pubblico piu’ vasto, sii specifico, ad esempio parli di dollari, esterna se si tratta di dollari USA, o di dollari Australiani. Stai scrivendo della California specifica se si parla delle California in USA o La California a sud di Livorno.

2.  Capire perché si scrive
Capire perchè si sta scrivendo è sicuraente un punto legato a quello precedente sopra esposto. Vuoi che qualcuno si iscriva al tuo blog, vuoi vendere magliette online, stai cercando di far capire ai lettori e sopratutto alle lettrici che sei il piu’ figo del Web, vuoi risultare simpatico al mondo Nerd?
Fornire informazioni ai lettori o ottenere la loro adesione a qualcosa?
La tua risposta a queste domande dovrebbe determinare ciò che vuoi scrivere.

3.  Prima pagina
Un Titolo in home page chiaro e accativante è fondamentale per creare  l’interesse nel proseguire a leggere il resto dell’articolo.  I titoli non dovrebbero essere più lunghi di 7 parole e scritti al presente.

4.  Maiuscole
Evitare l’uso massivo di maiuscole nei vostri articoli, si impiega il 57% di tempo in più  per leggere. Evitare di iniziare nelle intestazioni ogni parola con la lettera maiuscola.

5.  Scegliere le parole giuste
Certe parole possono attrarre l’attenzione del lettore, con altre si  abbassa l’interesse alla lettura. Parole che permettano al lettore di viaggiare con l’immaginazione il pensiero, pensare al progresso, e l’ambizione. Parole meno “popolari” portano a pensare alla controversia, al fallimento, alla debolezza.
Utilizzare le contrazioni. Cio’ rende meno formale e più colloquiale l’articlo, stile che è richiesto sul web.

6.  Acronimi
Evitare l’utilizzo di questi, se possibile.  Sarebbe imprudente pensare che tutti coloro che visitano il tuo sito sono in grado di capirne il significato. Tuttavia, questo è legato alla conoscenza del proprio pubblico. La stessa regola si applica al gergo, evitare e nel caso tagliare complessità vebali e artifizi di scrittura fini a se stessi.

7.  Punteggiatura
Ridurre al minimo nel miglior modo possibile la punteggiatura.  Cio’ può essere difficile in particolare per i punti e virgola, quindi usare frasi più brevi.

8. Collegamenti ipertestuali efficaci
Le parole utilizzate per i link dovrebbero essere pertinenti e motivare l’utente nella realizzazione di un’azione. ‘Clicca qui‘, non è il massimo ma è sicuramente efficace,  e lo è ancor di più se utilizzato insieme ad informazioni contestuali, ad esempio ‘fare clic qui per richiedere un prestito‘. In questo modo l’utente sa esattamente dove sarà indirizzato.

9. La lunghezza giusta
Frasi brevi. Se sono troppo lunghe l’interesse del lettore calerà e il tuo messaggio risulterà confuso. Una regola empirica dice che le frasi dovrebbero essere tra le 15 e le 20 parole. Non contate tutte le frasi di questo articolo, credo di aver infranto la regola!
Buona cosa è che non ci dovrebbero essere più di tre frasi per paragrafo.
Utilizza le sottosezioni, rubriche ed elenchi. Se si usano liste, non cercare di avere più di 6 punti in ciascuna di esse.

10. Prova leggere
Altro punto ovvio, del resto una delle prime cose che ci vengono insegnate alle scuole elementari, ma non sempre tale consiglio viene seguito. Rileggere l’articolo e fare correzioni per evitare errori grossolani. Se un utente è molto attento a quello che legge, se trova nel testo errori di vario genere sarà immediatamente propenso ad interrompere la lettura del vostro articolo e abbandonerà il sito.

Questi sono alcuni dei miei consigli preferiti. Se ne hai di tuoi condividili utilizzando i commenti qui sotto.
Enjoy

Be the first to comment on "Scrivi per il web: i 10 punti da seguire"

Leave a comment

Your email address will not be published.

*