- La guida ai Social Media
Subscribe | Log in

Posts Tagged ‘Anonymus’

Operation Last Resort : i dati segreti di 4000 banchieri pubblicati in rete

operation opLastResort anti sec

operation opLastResort anti sec


E’ stata ribattezzata Operation “Last Resort” nata per vendicare il suicidio di Aaron Swartz. Ieri sera Anonymous ha diffuso la notizia di aver preso possesso di circa 4000 mila account di Dirigenti di Banca. Numeri di telefono, password di accesso dei loro computer ed altri dati personali dei dirigenti, sono stati pubblicati su un sito del Governo USA. Operation “Last Resort” annunciata da giorni dai Cyber Activisti, ha preso il via la settimana scorsa quando Anonymus ha defacciato il sito della commissione sentenze degli Stati Uniti, la cui homepage è stata modificata con l’inserimento di un gioco di asteroidi. Secondo il collettivo Aaron Swartz, ricercatore universitario, si è suicidato a causa delle accuse illoghiche e molto pesantissime rivoltegli dal governo Usa dopo che è stato accusato di aver hackerato il sito del Mit e scaricato giornali accademici da un servizio chiamato Jstor.
RIP Aaron

 


Tango Down ai siti della Polizia di stato Italiana

Tango DownSe ne sentiva parlare da giorni poi tutto è successo davvero; sono stati bucati i server della Polizia di Stato Italiana. Fra i documenti, secondo le stime sarebbero ben 3500, ci sono
informazini sui manifestanti No-Tav, informazioni su tecniche confidenziali relative alle operazioni di intercettazione e ancora, informazione su gruppi classificati come “estremisti” ed email private di agenti inviate a dirigenti funzionari e altro.
Alle 15.30 in una dichiarazione fatta all’agenzia Adnkronos da fonti del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, non ci sarebbero state violazioni ai server della Polizia, ma risulterebbero invece accessi non consentiti alle caselle email di alcuni funzionari delle Forze dell’ Ordine.
Questo non è il primo ataccco che quei bravi ragazzi di Anonymus effetuano ai server delle forze dell’ordine
in Italia, dopo l’ attacco lanciato contro i siti dei Carabinieri e del Ministero della Difesa, è ora il turno del database della Polizia di Stato, messo sotto scacco nell’ambito dell’operazione AntiSecITA.
Enjoy


Beastie Boys – Sabotage. Dalla generazione X alla generazione Anonymus

Anonymous - SabotageBeastie Boys, la band era costituita, fino alla scomparsa di Adam Yauch, da i rappers Adam Horovitz, Adam Yauch e Michael Diamond, con aggiunti il dj Mix Master Mike, il percussionista Alfredo Ortiz ed il tastierista Money Mark.
Il nome “Beastie”, inventato dall’ex componente John Berry, è l’acronimo della frase “Boys Entering Anarchistic States Towards Inner Excellence“, e significa “Ragazzi che entrano in Stati anarchici per ottenere la perfezione interiore“.

Sabotage non è solo una canzone, è un inno alla ribellione, è l’inno della genrazione x, è l’inno della generazione Anonymus.

Buona Visone e riflettete gente riflettete


Anonymus, hackera la mail di Don Ruggeri, accusato di pedofilia. Pubblicati 2Gb di e-mail

Anonymous intende provare a far luce sul vostro losco mondo, membri del Clero.
Ancora una volta siete teatro di oscurantismi, crimini ai danni dei più deboli, corruzione e crociate omofobe.
La vicenda di Don Ruggeri è l’ennesima dimostrazione di come la vostra Istituzione abbia affossato i principi ai quali dovrebbe ispirarsi. Fomentate odio e stigma verso chiunque mostri un orientamento sessuale differente da quello che voi definite “naturale”, in linea con un modello di società patriarcale e discriminante. La vera innaturalità sta nel vostro disgustoso modus operandi. La vostra avidità, la vostra cupidigia sono disdicevoli

Questo quanto si legge sul sito ufficiale della cellula italiana di Anonymus.

Messaggio diretto e di accusa nei confronti della Chiesa Cattolica da parte dei Cyberhacktivisti; autorità ecclesiastiche, colpevoli di aver “fomentato odio e stigma verso chiunque mostri un orientamento sessuale differente da quello che voi definite “naturale”.

Gesto simbolico quello di Anonymus, infatti le mail  del prelato non contengono naturalmente materiale “piccante” (Anonymous non avrebbe mai fatto circolare contenuti di questo tipo), una dimostrazione della capacità degli hacktivisti di violare la privacy anche degli uomini di Chiesa. Continuano quindi gli attacchi di Anonymus alla Chiesa Cattolica

 


Anonymous OperationItaly, Equitalia TANGO DOWN – abbattuto sito di Equitalia

Sul Twitter di Anonymous Italy viene annunciato: “Equitalia TANGO DOWN!”
OperationItaly, ovvero la campagna che Anonymous sta conducendo in Italia appunto. Il nuovo attacco di Anonymous oggi ha colpito GruppoEquitalia.it, In queste ore, infatti, il sito www.gruppoequitalia.it è irraggiungibile. Dopo Trenitalia, il Vaticano e vari siti del governo, Anonymous ha motivato la sua azione accusando Equitalia di avere “poteri smisurati, compresa la facoltà di bloccare beni mobili e immobili anche in maniera preventiva, e senza nessuna possibilità di verifica o appello da parte dei soggetti colpiti”. Quindi, conclude il comunicato online, “gli italiani sono stanchi dei vostri abusi e delle vostre vessazioni e noi come sempre intendiamo dar loro voce”

Equitalia TANGO DOWN! anonymous


Anonymus attacca il Vaticano

anonymus vaticanoContinua la campagna Operation: PayBack, portata avanti da Anonymus, e adesso tocca al Vaticano.

”Oggi Anonymous ha deciso di porre sotto assedio il vostro sito in risposta
alle dottrine, alle liturgie ed ai precetti assurdi ed anacronistici che la vostra
organizzazione a scopo di lucro (chiesa apostolica romana) propaga e diffonde nel mondo intero”.

Questa la rivendicazione di Anonymous, continua il comunicato

“Avete negato teorie universalmente ritenute valide o plausibili”.
“Vi siete resi responsabili della riduzione in schiavitù di intere popolazioni,
usando come pretesto la vostra missione di evangelizzazione”. Non mancano riferimenti
ai casi di pedofilia nel clero e accuse contro le posizione del Vaticano sull’aborto e
sull’uso del preservativo, definite “retrograde” deve tollerare – si legge su Anonymous –
quotidianamente le vostre ingerenze nella vita pubblica politica e sociale e tutti i
danni che ciò comporta. Avete immobili ed attività commerciali per il valore di miliardi di euro,
sui quali avete fortissime agevolazioni fiscali. Ci auguriamo vivamente che i Patti Lateranensi
vengano infine in un futuro prossimo rivisti e che veniate relegati a ciò che siete…una reliquia dei tempi che furono.
Questo attacco – concludono gli hacker – non è inteso verso
la religione cristiana o contro i fedeli in tutto il mondo, bensì verso la corrotta Chiesa Romana
Apostolica e tutte le sue emanazioni”.

Dal Vaticano fanno però sapere che “il problema è in via di risoluzione”

Enjoy