- La guida ai Social Media
Subscribe | Log in

Posts Tagged ‘Attacco a Facebook’

Attacco simultaneo a Facebook, Twitter e Google

attacco hacker facebookDalle 19,30 circa alle 23.10 di ieri – giovedì 23 settembre 2010 – Facebook ha avuto un incredibile down che ha riguardato tutto il mondo. In un commento al post di ieri tale “info” afferma che il problema era circoscritto all’Italia a causa del down dei DNS di Telecom Italia.
Personalmente mi sento di smentire che il crash di Facebook sia rimasto circoscritto all’Italia,  da Londra amici mi riferivano l’impossibilità di raggiungere facebook, stessa zuppa mi veniva riferita da New York e da Pechino, con problemi rivelati anche per collegarsi a Twitter e a svariati servizi di google e Yahoo.
Senza dubbi il più grande momento di down degli ultimi quattro anni dei colossi americani di Internet, ma è  Facebook il soggetto maggiormente colpito dal Down, durato quasi tre ore su tutto il paineta

Service Unavailable DNS Failure questo cio’ che succedeva provando a collegarsi al social network

Ad ogni modo da giorni si intuiva che ci fossero dei problemi. Il social network di Zuckerberg era lento – a volta in maniera sicuramente imbarazzante – faticava a compiere le più semplici operazioni, e già qualche giorno fa avevamo assistito ad un simile Facebook down, sebbene di durata decisamente inferiore.

Il down di Facebook ha fatto si che centinaia di migliaia di utenti, si sono dati appuntamento su Twitter che poco prima  si trovava di fornte agli stessi problemi di FB, anche se solo per una ventina di minuti.  Sono iniziate a circolare  notizie di cio’ che stava succedendo, in molti hanno parlato di attacco ai server del socialnetwork, altri hanno fatto del buon umorismo sull’accaduto .

Messaggi molto divertenti sulle possibili conseguenze del Facebook Down – ad esempio:  Breaking News: Facebook salta, cresce la produttivita’ lavorativa. Gli Usa escono dalla recessione –
Breaking News: Facebook salta a causa di un’esplosione di rifiuti di letame a Farmville.

Finalmente stamani Robert Johnson – ingegnere responsabile software di Facebook – con una dichiarazione se vogliamo in Technocrese puro, che il problema è dipeso dal sistema automatico che Facebook usa per controllare i valori di configurazione non validi nella cache del suo database. In sostanza, tutti i browser degli utenti Facebook leggevano un valore errato e cercavano di correggerlo consultando il database di Facebook… Contemporaneamente.
Il social network è stato letteralmente subissato dalle richieste e non ha retto all’impatto. Il sistema è andato in loop e – a quel punto – l’estrema ratio è stata chiudere il sito e lasciarlo nelle mani dei tecnici per la “riparazione”.
Se fosse veramente andata cosi’…. probabilmente qualcuno oggi non ha trovato la sua postazione di lavoro nella sede centrale di Facebook.

Altre fonti, con le quali sinceramente mi trovo piu’ d’accordo, parlano di un attacco hacker incrociato di nuova generazione, prima d’ora mai visto ai principali colossi della rete mondiale, partito probabilmente dal Sud America, (ma si parla anche di Cina) cominciato alle 19.30 di ieri ora di Roma. Infatti non è stato solo FB ad avere Down, il primo a cadere sotto l’incudine dei pirati informatici è stato Twitter, anche se il problema è stato relativo e circoscritto a parte degli Usa. L’assalto a suon di trojan, script e virus di altissima generazione ha raggiunto l’apice quindici minuti più tardi mandando ko Google, Yahoo e il l’impenetrabile Facebook.
E’ la prima volta nella storia che il colosso di Mountain View subisce un down così duraturo, analoghe considerazioni possone essere fatte anche per Yahoo e tutti i servizi legati alla sua piattaforma.

Secondo informazioni provenienti da diverse città italiane e estere, ci sarebbe stato un attacco ai server che gestiscono la rete mondiale della comunicazione su Internet, e Facebook è stato il soggetto maggiormente colpito.