- La guida ai Social Media
Subscribe | Log in

Posts Tagged ‘Spam’

Spam: la prima Non conferenza stampa della prima Non mostra di SPAM

SPAM - La non Mostra

SPAM – Invasioni urbane temporanee a firenze e dintorni

Si è svolta stamani presso la libreria Brac di Firenze, la “prima Non conferenza stampa” della “Prima non mostra Spam“. A non presentarla c’erano Samanta Monco e l’artista Clet Abraham.
SPAM nasce per essere della gente e tra la gente, ecco il perchè di una non mostra non autorizzata del quale non sappiamo assolutamente nulla, come hanno riportato durante la non conferenza Clet e Samanta Monaco. Sappiamo solo che la Non mostra Non autorizzata, probabilmente si svolgerà a Firenze lunedì 24 ottobre alle ore 0.00 e il 24 dicembre alle ore 3.00, luogo ancora sconosciuto. La non mostra sarà un attacco urbano dove verranno esposti disegni sui muri, disegni che hanno lo scopo di contrastare il potere massiccio della comunicazione mediatica di disinformazione e sensibilizzare la gente; l’esigenza di trovare un modo per esprimere liberamente senza vincoli o costrizioni un pensiero comune. L’idea rimane quella di fare una mostra contro le mostre, un’esposizione libera e disinteressata da ogni forma di guadagno economico (e per questo niente sarà in vendita) uscendo dalle gallerie, dalle sedi ufficiali, tornando nella strada dove vive la gente per comunicare con la gente.
Per ora questo è quanto, comunque rimanete sintonizzati su questi canali e sul blog di Spam per essere certi di poter partecipare alla prima Non mostra di SPAM


Facebook fa causa a David Fagin per spam, il giornalista e musicista li cita per 1$

facebook spamNel febbraio di quest’anno, David Fagin, giornalista di AOL scrittore e musicista, vede che le sue richieste di amicizia su Facebook sono state bloccate.
Con sua grande sorpresa scopre che il motivo del blocco è dovuto all’accusa di SPAM.
Facebook comunica poi a Fagin l’ imminente chiusura del suo account se il presunto spammer non pone fine a tale attività.

Fagin ha deciso di scrivere un articolo sulla questione.  Il post può ancora essere letto su AOL News, con il titolo :”Per Facebook ora sono uno spammer“.

Lo scrittore e musicista cerca di contattare direttamente Facebook, per difendersi da tale accusa, ma
si accorge che è impossibile contattare l’assistenza Facebook, o meglio che non esiste una vera e propria
assistenza diretta per tali questioni.

All’inizio di questa settimana Facebook fa inoltre causa a David Fagin accusandolo di spam.
Fagin da parte sua annuncia quindi di voler citare Facebook in giudizio per la somma di 1$.
Con questa azione Fagin afferma che vuole attirare l’attenzione su tale fenomeno, afferma che la mancanza di assistenza da parte di Facebook per la sopra citata questione è in contraddizione con le loro politiche.

” Non è possibile aggiungere altri amici se non li conosco.
Suppongo che posso solo aggiungere persone che conosco, allora perché siamo bombardati
da centinaia di nomi e suggerimenti da parte di Facebook stesso? ”

Enjoy


Fuori lo Spam: Google aggiorna l’algoritmo di ricerca

google aggiorna algoritmo
Google da notizia in questi giorni di aver messo online un corposo aggiornamento del propio algoritmo di ricerca.

Dal Blog ufficiale di Google si legge:
” Il nostro obiettivo è semplice: dare alla gente le risposte più pertinenti alle loro domande il più velocemente possibile. Ciò richiede una costante sintonizzazione dei nostri algoritmi”.

Insomma ancora una volta google aggiorna i proprio algoritmi per migliorare la vita alle persone… forse si forse no ovviamente dipende per essere super retorico dai punti di vista.

L’aggiornamento sempre secondo quanto dicono a google, avrà ripercussioni sul circa l’11% dei risultati di ricerca (l’aggionamento per adesso è operativo solo negli USA) e non è certo poco.

Il restyling dell’algoritmo, è progettato per penalizzare nelle classifiche di ricerca i contenuti web di bassa qualità di quei siti che sono di scarso valore contenutistico per gli utenti; chissà quali saranno i fantomatici parametri con i quali lo spider di google stabilirà “lo scarso valore del contenuto”.

Google ha messo online sempre in questi giorni un’estenzione per Crhome, Personal Blocklist, con la quale è possibile bloccare siti web dai propri risultati di ricerca; le scelte fatte dall’utente possono essere comunicate a google; è ovvio che google utilizzerà questi dati per il nuovo algoritmo.

Ad ogni modo oltre agli utenti google nella sua enorme magnanimità pensa anche ai soldi e alle relazioni con i grossi soggetti produttori di contenuti; il New York Times è entrato ormai di fatto su internet con i propri contenuti a pagamento, e certamente l’aggiornamento dell’algoritmo, in ottica di eliminare contenuti duplicati, non farà che piacere Al NYT.

Altri grandi siti americani aggregatori di notizie, tremano di fronte a questa notizia; siti che pubblicano in automatico articoli sul web grazie a robots che grbbano contenuti di altri siti e li rimiscelano, rischiano seriamente di sparire; e parliamo di siti con miglioni di pagine viste al giorno, e itroiti pubblicitari di notevoli dimensioni.

Altri siti lamentano il fatto nonostante i loro contenuti siano originali e scritti da redattori umani, di essere già stati penalizzati fortementi nei risultati di ricerca di google.

Tale modifica dell’algoritmo potrebbe in qualche modo convogliare traffico verso siti social oriented come twitter e Facebook? probabilmente come sempre l’algoritmo colpirà non solo lo spam su google ma come detto sopra anche siti che spam non sono… quindi perchè non studiare novi metodi per generare traffico verso il proprio sito con altre realtà che non siano Google?

Enjoy
Gianfranco Toninelli